POWERED BY JEST

PROJECT MANAGEMENT BUSINESS GAME

Nato nel 2012 dalla collaborazione tra JEst e la PPM Division di Horsa, il Project Management Business Game si pone come obiettivo quello di mettere alla prova le capacità imprenditoriali dei partecipanti offrendo loro l’opportunità di applicare i concetti teorici appresi durante i corsi di formazione.

 

 

Cos’è PMBG?

Forte dell’esperienza consulenziale di Horsa e dello spirito innovativo della Junior Enterprise, il PM Business Game si propone come una simulazione di pianificazione e gestione di un progetto in un contesto competitivo e ricco di imprevisti.

Il PM Business Game permette di apprendere attivamente all’interno di un ambiente “protetto” gli strumenti e le peculiarità del Project Management, disciplina che ha come obiettivo la gestione attenta e vincente dei progetti, con una applicazione ad un caso reale.

Perché scegliere PMBG?

Uno degli aspetti più apprezzati è il team building, tra gli obiettivi primari della simulazione. Solo capacità di lavorare in gruppo, coesione e sviluppo di soft skills comunicative, infatti, possono consentire la buona riuscita di un progetto.

Inoltre, i partecipanti possono mettere in gioco la propria capacità di problem solving nell’individuare la giusta risposta ai rischi e nel decidere come agire qualora si presenti un imprevisto durante il gioco. La capacità di analizzarli con razionalità e con tempestività è una grande abilità che un Project Manager deve sviluppare.

Cos’è PMBG?

Forte dell’esperienza consulenziale di Horsa e dello spirito innovativo della Junior Enterprise, il PM Business Game si propone come simulazione di pianificazione e gestione di progetto in un contesto competitivo e ricco di imprevisti.


Il PM Business Game permette di apprendere attivamente all’interno di un ambiente “protetto” gli strumenti e le peculiarità del Project Management, disciplina che ha come obiettivo la gestione attenta e vincente dei progetti, con una applicazione ad un caso reale.

Perché scegliere PMBG?

Uno degli aspetti più apprezzati è il team building, tra gli obiettivi primari della simulazione. Solo capacità di lavorare in gruppo, coesione e sviluppo di soft skills comunicative, infatti, possono consentire la buona riuscita di un progetto.

Inoltre, i partecipanti possono mettere in gioco la propria capacità di problem solving nell’individuare la giusta risposta ai rischi e nel decidere come agire qualora si presenti un imprevisto durante il gioco. La capacità di analizzarli con razionalità e con tempestività è una grande abilità che un Project Manager deve sviluppare.

LE FASI DELLA SIMULAZIONE

h

1.PIANIFICAZIONE

La pianificazione del progetto parte da una valutazione del budget iniziale fissato. Si procede con la scelta dei ruoli, dei fornitori e con una stima di tempi e costi necessari per portare a termine il progetto.

2.COSTRUZIONE

In questa fase viene richiesto ai partecipanti di ogni gruppo, di costruire il modello rispettando i tempi previsti, le indicazioni del committente e rientrando il più possibile nei costi preventivati.

3.RIPIANIFICAZIONE

La costruzione è intervallata da momenti di ripianificazione, utili per rivedere il piano iniziale in caso siano necessarie delle modifiche al fine di completare il progetto rispettando i tempi. Si procede dunque con il gioco.

Z

4.VALUTAZIONE FINALE

Una volta terminato il tempo, le squadre sono chiamate a presentare il risultato del proprio lavoro e valutate di conseguenza. Ogni team ha la possibilità di discutere i problemi riscontrati nel corso della simulazione e rivalutare le scelte fatte.

COLLABORAZIONI

Horsa

L’idea della simulazione deriva da una passata collaborazione tra JEst e la divisione PPM (Project Portfolio Management) di Horsa.

COLLABORAZIONI

Horsa

L’idea della simulazione deriva da una passata collaborazione tra JEst e la divisione PPM (Project Portfolio Management) di Horsa.

FAQ

A chi è rivolto questo servizio?

La simulazione è rivolta ad aziende e a studenti universitari, sia per formazione che per recruiting.

Qual è il numero massimo/minimo di partecipanti alla simulazione?

Il numero minimo di partecipanti è 3, che corrisponde ai componenti di una squadra. Infatti è possibile effettuare la simulazione anche in presenza di un solo team. I team concorrenti saranno simulati utilizzando dati storici.

Il numero massimo è 30, che corrispondono circa a 10 squadre.

Quali conoscenze devono avere a priori i partecipanti?

I partecipanti devono conoscere gli strumenti di base del Project Management (Diagramma di Gantt, Work Breakdown Structure).

Insieme alla simulazione si può richiedere un corso di formazione di Project Management a prezzo agevolato, tenuto da un ingegnere pluriqualificato nella materia.

Chi posso contattare per avere un preventivo?

Potrete contattarci alla mail [email protected] Risponderemo entro 24 ore alla vostra richiesta.

LET’S WORK TOGETHER!

Non hai ancora provato la nostra simulazione e vuoi saperne di più? Non esitare a contattarci.

Se sei interessato, visita la pagina dedicata ai servizi offerti da JEst.

RICHIEDI UN PREVENTIVO, SENZA ALCUN OBBLIGO DI AcQUISTO

S.lla San Nicola 3, 36100 Vicenza (VI)

Contatto: Benedetta Balatroni

[email protected]